Obesità

 

Obesità

Obesità

 

 

 

 

L’Obesità è una patologia cronica caratterizzata da un significativo aumento della morbilità, con ripercussioni gravi su aspettativa e qualità di vita a causa della disabilità che essa comporta.

L’Obesità e le sue complicanze inoltre contribuiscono in misura molto rilevante alla spesa sanitaria delle Nazioni. Oltre ai costi sanitari diretti, occorre valutare anche quelli derivanti da una ridotta produttività lavorativa, sia come giorni di lavoro persi che inabilità ad alcune mansioni, da un incremento degli incidenti sul lavoro e dal pensionamento anticipato.

La patogenesi dell’Obesità è multifattoriale: è legata all’interazione circolare – nel corso della vita – di fattori predisponenti genetici, fattori ambientali (familiari, lavorativi, sociali), abitudini alimentari scorrette, ridotto dispendio energetico per ridotta attività fisica, alterazioni metaboliche, patologie cardiovascolari e osteoarticolari, disturbi dell’umore e di personalità.

Questa condizione è caratterizzata dall’aumento delle riserve di massa grassa con una presentazione clinica complessa e variabile a seconda delle complicanze presenti (manifestazioni cardiovascolari, respiratorie, osteoarticolari, endocrino-metaboliche e psicosociali).

Altrettanto complesso (interdisciplinare e integrato) è l’approccio diagnostico e terapeutico-riabilitativo. In particolare, in fase diagnostica, è necessario effettuare una valutazione di: stato di nutrizione ed abitudini di vita, rischio cardiovascolare e respiratorio, profilo endocrinologico, stato psicologico, funzionalità motorie e problematiche osteo-articolari.

L’intervento dell’endocrinologo è fondamentale e deve essere finalizzato a: ottenere un calo ponderale pari almeno al 10% del peso corporeo iniziale con una significativa riduzione della massa grassa e preservazione di quella magra; ricostruire durevolmente corrette abitudini alimentari (qualità, quantità, ritmo) basate sui canoni della Dieta Mediterranea anche in una logica educazionale; ottenere una compliance del paziente funzionale al raggiungimento degli obiettivi.

Vale la pena ricordare come sia indispensabile un intervento medico qualificato, evitando assolutamente il fai da te e terapie farmacologiche non validate scientificamente, spesso pericolose per la salute.